Primo contatto con il BlackBerry Passport

Finalmente dopo tanto parlare, osservare e studiarlo sotto ogni punto di vista, il BlackBerry Passport è finalmente giunto tra di noi. All’apertura della confezione l’effetto “wow!” generato dal dispositivo viene confermato; lo smartphone dall’ampio display quadrato touch-screen nasce interrompendo tutti gli attuali canoni estetici, un dispositivo che va contro corrente insomma. Il suo ampio display LCD quadrato da 4,5 pollici, con risoluzione a 1440×1440 touch-screen, insieme all’innovativa tastiera touch-enabled sono il cuore pulsante di un hardware da vero top di gamma.

Primo contatto con il BlackBerry Passport

Il peso del dispositivo si fa sentire, ma i 196 g del BlackBerry Passport vanno tenuti con entrambe le mani e quindi diventa una cosa in meno cui badare una volta fatta l’abitudine. Le dimensioni pari a 128mm di altezza per 90,3mm di larghezza e 9,3mm di spessore non passano di certo inosservate, poco pratico da riporre nelle tasche anteriori dei pantaloni, ideale nelle tasche posteriori per via delle dimensioni simili ad un portafoglio mentre risulta molto funzionale nelle tasche interne di una giacca.

Primo contatto con il BlackBerry Passport

La componentistica hardware comprende:

  • SoC: Qualcomm Snapdragon 801
  • Processore: Krait 400, 2200 MHz, Numero di core: 4
  • Processore grafico: Qualcomm Adreno 330
  • Memoria RAM: 3 GB, 800 MHz
  • Memoria interna: 32 GB espandibile
  • Batteria: 3450 mAh
  • LTE, NFC, Wi-Fi Dual Band, Glonass, USB-HDMI

Il vero appeal del BlackBerry Passport nasce dalla sua incredibile tastiera touch-enabled, una delle principali innovazioni in questo terminale. Un mix tra una fisica ed una touch, la componente touch viene sfruttata per la selezione rapida dei suggerimenti, per la selezione del testo, oltre che per la cancellazione rapida di una parola, lasciando al backspace classico la cancellazione. La simbiosi tra tastiera fisica, touch e tasti a display, una volta presa la mano funziona davvero bene e permette di scrivere a velocità paragonabili alla swipe touch facendo però molti meno errori. Soprattutto chi proviene dai precedenti terminali con tradizionale tastiera QWERTY a quattro fila di tasti avrà bisogno di qualche giorno in più per abituarsi alla nuova, un unico neo durante la digitazione a doppia mano riguarda i tasti Z e INVIO posizionati nella parte bassa/esternamente che risultano essere appunto poco “anatomici” alla digitazione.

Primo contatto con il BlackBerry Passport

Con ben 3450mAh a disposizione, in questo primo giorno di prova, si sta ancora sfruttando la carica che il dispositivo aveva dal momento che è stato inviato.

13 sono invece i megapixel a disposizione della fotocamera posteriore che permettono di avere una qualità di immagine davvero ottima. Gli scatti sono infatti molto soddisfacenti e personalizzabili, questo grazie alle tante opzioni disponibili all’interno del menu della fotocamera, introdotte appunto con la versione del sistema operativo 10.3.

Queste sono insomma le prime impressioni a 24 ore di distanza, non ci si sbilancia troppo per le reali conclusioni, a primo impatto però il BlackBerry Passport non ha deluso le aspettative, anzi.

8.5
Complessivamente

Summary

Il BlackBerry Passport è uno smartphone che va oltre gli standard a cui ci hanno abituato gli smartphone già presenti sul mercato. BlackBerry ha preso ispirazione dai moderni passaporti internazionali, per creare un dispositivo che rappresenta un modello di mobilità e di produttività.

9.5 Autonomia
9.5 Prestazioni
9 Fotocamera
8.5 Multimedialità
6 Peso

Articoli Simili