Il software Da Vinci di Hacking Team viola i BlackBerry con OS7 e precedenti

E’ notizia di questi giorni che alla società Hacking Team, un’azienda italiana all’avanguardia nel fornire sistemi di spionaggio informatico, è stato hackerato il profilo twitter e rubati dati per 400GB. Quando si lavora nel campo della sicurezza informatica si può stare da due parti: quella degli attaccanti o quella di chi deve difendersi. Hacking Team sta nel primo schieramento e il suo software “Da Vinci” è una delle suite più avanzate al mondo per il cyberspionaggio.

Il software Da Vinci di Hacking Team viola i BlackBerry con OS7 e precedenti

Ebbene, proprio questa società, una delle più avanzate al mondo nel suo settore, ha subito un attacco informatico catastrofico. Ad Hacking Team sono stati rubati oltre 400 GB di dati, pubblicati via torrent e già rintracciabili in diverse forme e da diverse fonti. Si trova persino il codice sorgente del loro software, su GitHub, con tanto di commenti e nomi dei collaboratori.

I clienti tipici di Hacking Team sono i vari governi del mondo, che usano la loro suite di cyberspionaggio, in teoria, per scovare criminali e smantellare organizzazioni illecite. Purtroppo, sembra che l’azienda italiana non si sia limitata a vendere la soluzione a chi l’ha usata eticamente, e non abbia avuto grandi remore nel proporla a governi di tipo dittatoriale o repressivo, offrendo in alcuni casi anche consulenze su come portare a termine al meglio alcune operazioni. In passato avevano espressamente dichiarato il contrario, ma avevano anche subito un raid presso la loro sede milanese da parte di attivisti per nulla convinti della loro buona fede.

E i terminali BlackBerry come vengono coinvolti in tutto questo? Tra i file trapelati in reti e presi dai server di Hacking Team si sono scoperti anche i prezzi relativi a strumenti da loro concepiti per spiare e compromettere dispositivi mobili come gli smartphone.

Il software Da Vinci di Hacking Team viola i BlackBerry con OS7 e precedenti

Tra questi, Hacking Team è stata in grado di compromettere il sistema operativo BlackBerry 4, 5, 6 e 7. A quanto pare lo strumento per compromettere il BBOS costa 30.000€ e viene dato in licenza ai clienti che ne hanno bisogno per il loro spyware. Questo tool di spyware dovrebbe ottenere l’accesso ai file contenuti nel BlackBerry, alle foto scattate dalla fotocamera, alle email di Gmail e Outlook, alle Chat di Facebook nonché alle chiamate di Skype e alle chat. “Fortunatamente” sembra che nulla fosse possibile a livello di spyware su BBM così come sull’ultima versione del sistema operativo BlackBerry 10.

Per ora queste sembrano essere le uniche informazioni che riguardano i “vecchi” terminali del brand canadese e a questo indirizzo sono disponibili tutte le informazioni della funzione chiamata “BBM Injection“.

Articoli Simili