Il BlackBerry Priv riceve l’update di sicurezza del mese di Febbraio

Mentre c’è chi ancora è indecise se acquistare o meno il BlackBerry Priv, il primo smartphone del brand canadese con sistema operativo Android e tastiera QWERTY a scomparsa; i primi possessori d’altra parte si preparano a ricevere il loro update mensile inerente la sicurezza. Proprio in queste ore, il BlackBerry Priv sta ricevendo una patch mirata ad incrementare alcuni accorgimenti dal punto di vista della sicurezza di questo smartphone.

Il BlackBerry Priv riceve l’update di sicurezza del mese di Febbraio

Non è stata rilasciata una lista completa delle novità che quest’aggiornamento introdurrà sul BlackBerry Priv. L’update è disponibile anche per i dispositivi venduti in Italia, e ha un peso di circa 17MB. Per aggiornare il dispositivo basta andare nelle impostazioni e cercare l’aggiornamento manualmente, se questo non sia stato ricevuto in maniera automatica.

Il virus buono nella community BlackBerry® | BlackBerryHack.com founder | BBM: virus89 |

5 Commenti

  1. Carla
    2 febbraio 2016 alle 13:47 Rispondi

    Non mi stupisce che il management, cieco e del tutto incapace di BB operi per un’aggiornamento atto a consolidare la sicurezza del terminale Android, ma analizziamo tale scelta. Premessa d’obbligo è rammentare la pessima gestione di Waterlo nella produzione e ” promozione ” dei terminali della Mora, sconosciuti al grande pubblico che associa il brand ad un indirizzo prettamente professionale, suggerendo quindi una difficoltà d’utilizzo. BB ha pubblicizzato i primi Smartphone accanto alla prima uscita del melaphonino della Apple, ed all’epoca sebbene i numeri fossero differenti, BlackBerry Manteneva un piu’ che dignitoso ruolo di leader in un mercato che si apriva a novità che avrebbero cambiato per sempre il mondo della telefonia mobile.
    Blackberry ha attraversato anni di gestioni errate, management impreparato a rispondere alla concorrenza, colpevole di una pessima fidelizzazione del cliente, BB ha dimenticato l’utente finale, ha fatto brandelli di un’icona del settore devastandone le peculiarità intrinseche.

    Potrei dilungarmi ancora per molto…ma i risultati disastrosi sono evidenti…sovraproduzione di modelli riproposti in copie, nessuna pubblicita’, prodotto pressoché irreperibile, assistenza tecnica inesistente, aggiornamenti che invece di risolvere trascinano problemi, totale disinteresse per il cliente.

    La cura proposta dal Mandorlato è prezzi elevatissimi anche a distanza di molti mesi, nessun sostegno pubblicitario, nessun accordo strategico con i provider, nessun’ accompagnamento tecnico al prodotto…

    Qualcuno sostiene le grandi capacità di questo CEO…mi chiedo dove e quando gli Smartphone BB siano quel core business che rappresentano i prodotti Apple per la casa di Cupertino…

    Quel CEO che annuncia e poi ritratta, che parla in modo ambiguo…che dice di dismettere il reparto han held..poi propone sei sette Smartphone in meno di un anno a prezzi da rapina, che tirannneggia una clientela affezionata alla quale non risponde mai, che sostiene d’aver salvato un’azienda tagliando migliaia di posti, che si porta in giro collaboratori vestiti come un operaio della Breda, che esibisce una moglie che ” Veste” Samsung…ha probabilmente una strategia ben chiara, quale che sia non e’ dato sapere…Ma il PRIV…incoerente assemblaggio di Smartphone, modificato ” geneticamente” e’ il vessillo di un manager inquieto, un ragioniere folle e sconsiderato che ha snaturato totalmente un’idea vincente…un prodotto certo dedicato ad un mercato di nicchia, ma che molti amavano proprio per cio’ che rappresentava…non dimentichiamo che le strategie di marketing oggi sono in grado non solo di prevenire i bisogni ma di pilotare anche i desideri!

    AMEN. – Via BHack 10

    1. virusman89
      2 febbraio 2016 alle 14:48 Rispondi

      E’ sempre un piacere leggere i tuoi commenti Carla 🙂 personalmente continuo a chiedermi come sia possibile che l’intero management non abbia, oppure non voglia, una visione chiara delle strategie messe in atto. Eppure per un semplice utente dovrebbe essere molto più difficile addentrarsi in ragionamenti di questo tipo. Dal mio primo terminale BlackBerry ho assistito ad una progressiva ascesa del brand; ci si è cullati, forse, troppo sugli allori e ora è troppo tardi per salvare il salvabile 😕 – Via BHack 10

      1. Carla
        2 febbraio 2016 alle 17:58 Rispondi

        Gentilissimo…come sempre…ho in dote o difetto un’innata attitudine all’ottimismo…ritengo ogni ostacolo non gia’ come una sfida, talvolta piu’ come la possibilita’ a vagliare prospettive differenti.

        Malgrado una sfrontata fiducia nella vita, ho imparato a perdere, non senza tentare tutto il possibile. Non sono un’esperta in economia, non di mercati e dei meccanismi di questi… ma ho venduto di tutto, anche tecnologia, e formato personale alla vendita per molti anni; per cio’ che consta BlackBerry sono convinta che un deciso cambio di rotta in merito alla produzione e distribuzione degli Smartphone farebbe la differenza…BLACKBERRY non è solo un malinconico ricordo nel cuore degli affezionati al brand , ma un prodotto utile ed estremamente versatile ,un’icona di stile e progresso che invece di mostrarsi al pubblico viene smitizzata da azzardi discutibilissimi sul piano produttivo e di marketing…

        Ho un’idea da tempo…a qualcuno servono i brandelli della Casa di Waterlo perché anche un solo pezzetto di questo Brand e’ interessante a valorizzare altri…insomma il management sta effettuando un restyling suicida…e non vedo acutezza, non lungimiranza, non strategie…nessuna affezione all’azienda che portava in giro per il mondo l’eccellenza del paese di provenienza…

        Quello che succede a BB, succede alle nostre aziende Italiane…al made in Italy svenduto per quattro soldi a stranieri lontanissimi dalla nostra cultura…invece di preservare le peculiarità si livella tutto…nessuna distinzione, nessuno e’ piu’ padrone in casa propria…nessuno ha più il coraggio di credere in un’idea DIVERSA…prima o poi rischieremo d’essere tacciati d’omofobia solo perché decideremo per il gelato al cioccolato invece che per quello alla liquirizia…

        Altro che libertà d’espressione, altro che regole di mercato, altro che sostegno al progresso…

        Accidenti…sono uscita dal tema…come al solito…ondivago…ma sono troppo arrabbiata…e per fortuna …per ora…non so per quanto…bavagli non ne ho!

        Grazie… – Via BHack 10

  2. Vasco
    8 febbraio 2016 alle 20:44 Rispondi

    Prima dei nexus ottimo lavoro – Via BHack 10

    1. virusman89
      9 febbraio 2016 alle 0:09 Rispondi

      Le promesse fatte riguardo gli aggiornamenti tempestivi, inerenti la sicurezza, al momento sembrano essere mantenute. Vedremo i primi di Marzo cosa accadrà 😎 – Via BHack 10

Lascia un commento

Articoli Simili